takoyaki ricetta polpette giapponesi

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei piatti tradizionali del Giappone. Oggi ci occuperemo dei famosi Takoyaki: sovrani indiscussi dello street food giapponese e uno dei cibi più squisiti e, allo stesso tempo, semplice da preparare! I takoyaki sono delle prelibate polpette di polpo, chiamate anche palle di polpo o polpo fritto.

Solitamente è molto difficile rintracciare le origini dei piatti tradizionali più antichi, ma per i takoyaki abbiamo un’eccezione. Il creatore dei takoyaki, infatti, è ormai universalmente riconosciuto nella figura di Endo Tomekichi. Endo era il proprietario di una piccola bancarella da street food ad Osaka e preparava principalmente i choboyaki: con questo termine si indicavano in modo generale le palle di pastella (formata da acqua e farina) che venivano cotte in una speciale teglia a comparti sferici.

Nel 1932 Endo decise di dare una svolta al suo solito prodotto e di sperimentare qualcosa di nuovo: aggiungere il polpo ai suoi choboyaki si rivelò subito una mossa vincente. Questi vennero chiamati proprio takoyaki ed in breve tempo arrivarono in ogni angolo del Giappone! In ogni caso la terra natìa dei takoyaki resta Osaka, dove successivamente Tomekichi aprì anche un suo ristorante totalmente dedicato ai takoyaki e che tutt’ora è aperto, il ristorante Aizuya.

Rispetto ad altri piatti abbiamo ben poche varianti dei takoyaki. Questo perché gli ingredienti principali sono essenzialmente due (la pastella ed il polpo), quindi cambiarne uno dei due significherebbe modificare l’intera ricetta.

Takoyaki, le principali ricette

Le uniche varianti riguardano i contorni e le guarnizioni. Per quanto riguarda i contorni possiamo dire che solitamente i takoyaki vengono gustati da soli, ma in Giappone c’è anche chi ama accompagnarli con un po’ di riso. Riguardo le guarnizioni, invece, c’è una scelta un po’ più ampia.

La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo dell’apposita salsa takoyaki, molto simile alla salsa Otafuku con la differenze che, rispetto a questa, è più dolciastra. In alternativa è possibile guarnire i takoyaki con la salsa Otafuku (adatta a chi preferisce il sapore più classico e meno dolce) e/o altri ingredienti come alghe essiccate, katsuobushi e zenzero rosso marinato.

Ricetta dei takoyaki

Preparare i takoyaki non è affatto complicato come sembra! Alcuni potrebbero rimanere perplessi in quanto è necessaria una apposita piastra per cucinare queste prelibatezze, ma niente paura! È possibile trovare questa speciale padella in vendita anche online.

Ingredienti

Per quanto riguarda invece gli ingredienti veri e propri, sono pochi quelli non facilmente reperibili. Su internet però è possibile acquistarli senza problemi: stiamo parlando del katsuobushi e del benishoga.

Per il resto la ricetta prevede l’utilizzo di ingredienti di facile reperibilità, quindi non avete scuse! Cimentatevi nella preparazione dei mitici takoyaki e fateli provare ai vostri amici: sarete senza dubbio i più amati della comitiva. Vediamo subito quali sono gli ingredienti per fare i takoyaki ed infine la ricetta tradizionale di uno degli street food giapponesi più amati.

Per i takoyaki

  • 150 gr di Farina 00;
  • 16 pezzi di polpo bollito (circa 150 gr);
  • 4 gr di katsuobushi;
  • 2 uova;
  • 300 ml brodo di dashi;
  • 1 cipollotto;
  • 1 cucchiaino raso di lievito;
  • 1 cucchiaino di salsa di soia;
  • Olio di semi q.b.;
  • 1 cucchiaino di benishoga (opzionale);
  • Tenkasu (scaglie di tempura, opzionale)
  • Tenkasu (scaglie di tempura, opzionale)

Per guarnire

  • Salsa Takoyaki (o Otafuku) q.b.;
  • Alghe essiccate;
  • Katsuobushi;
  • Erba cipollina

Procedimento

  1. Come prima cosa è necessario preparare il brodo di dashi. Se non avete gli ingredienti necessari per il brodo di dashi potete ripiegare su un brodino di pesce. Non sarà la ricetta originale al 100% ma il gusto sarà ugualmente strepitoso!
  2. Mentre lasciate cuocere il brodo di dashi (o di pesce) iniziate a preparare il polpo. Questo deve essere molto semplicemente bollito e successivamente lasciato raffreddare ed asciugare. Consigliamo di tagliare dei piccoli pezzi (uno per ogni pallina) in modo da farlo cuocere velocemente senza rischiare di indurirlo.
  3. Ora che gli ingredienti principali sono pronti, passiamo alla preparazione della pastella! Unite in una ciotola la farina, il lievito, il katsuobushi e mescolate.
  4. In un altro contenitore sbattete le uova con la salsa di soia e poi unitele al composto di farina. Mescolate per bene tutti gli ingredienti e solo successivamente unite il brodo di dashi.
  5. È tutto pronto per la cottura! Ungete la padella per takoyaki e lasciatela riscaldare sul fuoco. Quando l’olio è abbastanza caldo versate il composto avendo cura di non riempire completamente le palline.
  6. Dopo aver riempito le palline a metà inserite in ciascuna di esse un pezzo di polpo, il cipollotto sminuzzato finemente e, se graditi, lo zenzero rosso marinato tagliato finemente ed il tenkasu.
  7. Ora potete versare il resto dell’impasto in modo da coprire completamente le palline.
  8. Lasciate cuocere per un paio di minuti. Quando la parte inferiore sarà ben cotta (3 minuti circa) sarà possibile girare i takoyaki in modo da terminare la cottura!
  9. Con attenzione togliete i takoyaki dalla padella e guarniteli come più gradite. Esiste una sola regola: devono essere consumati caldissimi, su questo i giapponesi non transigono!

 

Valutazione: 5.0/5. Da 1 voto.
Please wait...
Gravatar di Roberta Stella
Ciao, mi chiamo Roberta Stella. Nata il 25/01/1995 e studentessa di Giurisprudenza, fino a due anni fa non volevo neanche provare il pesce, poi mi è bastato assaggiare un nigiri al salmone e ora mi ritrovo a scrivere di sushi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here